VOX S.r.l.
21
mag 2019

Le alterazioni posturali nei più piccoli, possono danneggiare la vista!

È importante imparare sin da bambini a prendersi cura della colonna vertebrale che ci sosterrà tutta la vita. Verificare eventuali alterazioni posturali è fondamentale per mettere in atto il trattamento terapeutico più indicato a correggerle e a garantire ai bambini una crescita sana.

Durante l'età pediatrica ed adolescenziale è frequente andare incontro ad alterazioni della colonna, dovute per lo più ad atteggiamenti posturali errati protratti nel tempo. Quando si tratti di alterazioni lievi si può intervenire attraverso un'adeguata attività fisica.
Per prevenirle è necessario educare i bambini ad adottare una corretta postura e fare movimento in modo regolare


 W-SITTING -SEDUTA A W

La seduta a W o W-Sitting, è quella posizione che si osserva più frequentemente nei bambini più piccoli mentre giocano.
I glutei del bambino poggiano sul pavimento, tra le gambe, le ginocchia sono piegate e i piedi sono spostati lateralmente ai lati delle anche e puntano al di fuori del corpo. Guardando questa posizione dall'alto, sembra che le gambe del bambino formino una "W".
È una posizione di transizione, frequente nei bambini fino ai 5 anni di età, grazie alla maggiore flessibilità di ossa e articolazioni.
Può diventare problematica quando viene assunta in modo prolungato in bambini più grandi. In questa posizione il bambino crea un'ampia base di supporto che aumenta la stabilità del tronco, specialmente se questa rappresenta un'area di vulnerabilità per lui. 
Questa posizione richiede un minor controllo posturale, con minor attivazione dei muscoli del "core" (tronco) necessaria per stare eretto e permette al bambino di concentrare le sue energie per focalizzarsi sul gioco.
I bambini che tendono ad essere più frequentemente W-sitters sono, infatti, quelli che hanno una scarsa stabilità e tono a livello del tronco, e si affidano a questa posizione per riuscire a manipolare i giocattoli e a giocare più facilmente. 

Quando si trova nella posizione a W, il corpo è come se fosse "fissato" al pavimento, quindi questo permette di giocare con giocattoli che si trovano di fronte, ma non consente la rotazione del tronco e di spostare il peso lateralmente, girandosi e piegandosi per raggiungere giocattoli che sono sul lato opposto. 

La rotazione del tronco e lo spostamento laterale del peso del corpo permettono il mantenimento dell'equilibrio mentre si corre o si fanno giochi all'aperto, e sono necessari per "attraversare la linea mediana" durante la scrittura o altre attività da tavolo. 
La linea mediana è una linea immaginaria che va dalla testa ai piedi e che separa la parte destra e sinistra del corpo. Attraversare la linea mediana significa che una parte del corpo  (es. una mano o un piede), si sposta spontaneamente verso il lato opposto, come accade durante la scrittura ma anche in numerosissime altre attività quotidiane.

La posizione a W implica un minimo attraversamento della linea mediana, con conseguente scarsa integrazione bilaterale, integrazione tra parte destra e sinistra del corpo, e difficoltà o ritardo nello sviluppo della dominanza manuale, perchè dal momento che non avviene la rotazione del tronco, il bambino è meno portato ad attraversare la linea mediana per raggiungere gli oggetti che si trovano sul lato opposto, e prenderà, invece, con la mano destra quelli che si trovano sul lato destro e con la sinistra quelli che si trovano sul lato sinistro. Inoltre in questa posizione avremo limitate attivazione e pro-cessazione vestibolare, integrazione visuo-motoria, pro-cessazione uditiva e uno sviluppo non fisiologico delle articolazioni pelviche e spinali.


LE PRINCIPALI CONSEGUENZE ALLE QUALI IL BAMBINO CHE ASSUME IN MANIERA PROLUNGATA E CONTINUATIVA QUESTA POSIZIONE VA INCONTRO SONO:

  • Limitata attivazione del tronco e basso tono muscolare;
  • Minimo attraversamento della  "Linea Mediana";
  • Difficoltà a sviluppare coordinazione bilaterale e nel trasferire oggetti da una mano all'altra;
  • Difficoltà a sviluppare dominanza manuale e coordinazione oculo-manuale;
  • Ritardo nell'acquisizione dell'equilibrio e della consapevolezza corporea e conseguenti instabilità nel camminare o correre, impaccio motorio e goffaggine;
  • Lassità articolare, specialmente a livello della pelvi e/o ipermobilità a livello delle articolazioni;
  • Scarsa dissociazione tra collo e tronco e conseguente mancata o limitata integrazione di riflessi primitivi (ad es. il SNTR, Riflesso Tonico Simmetrico del Collo, la cui persistenza può in realtà essere essa stessa una delle cause possibili del W-sitting);
  • Scarsa pro-cessazione di stimoli vestibolari, visivi e uditivi;
  • Problemi di auto-regolazione e di attenzione;

Da qui, la necessità di correggere il più precocemente possibile questa postura, invitando il bambino ad assumere posizioni più corrette quando si siede, come la seduta a gambe incrociate, oppure con le gambe posizionate entrambe dallo stesso lato, oppure sulle ginocchia, con le gambe distese, o in posizione prona (posizione di grande utilità per l'integrazione di vari sistemi sensoriali). Naturalmente, qualora il bambino avesse difficoltà a sedersi utilizzando altre posizioni, occorre richiedere l'intervento di un terapista esperto.


INTERFERENZE DI UNA CATTIVA VISIONE SULLA POSTURA: GLI STUDI DEL PASSATO

Già a metà dello scorso secolo si iniziarono a formulare le prime teorie sulle interferenze tra occhi e postura globale del corpo. Un nome che merita di essere citato è quello del Dott. Harmon,  (ricercatore che propose la distanza di lettura ottimale che porta il suo nome) che effettuò degli studi basati sulla teoria della dinamica della visione.  Nel 1958 riscontrò che i soggetti con problemi visivi si comportano nel seguente modo:

  • i miopi guidano con il mento
  • gli ipermetropi attaccano con la fronte
  • gli astigmatici inclinano la testa
  • gli anisometropi hanno la tendenza a ruotare la testa
  • gli esoforici tendono a ruotare le scapole verso l'interno
  • gli exoforici tendono a ruotare le scapole verso l'esterno


Dopo una visita medica specialistica accurata, si consiglia di andare da un osteopata e da un optometrista, per stabilire un programma personalizzato. 


Vi auguro tanta salute!


 

Counselor holistic Optika & Naturopathy
Nicoletta Miclea